State ascoltando: Gates of Utopia dei RELIC
Prenotate anche Voi il passaggio di un vostro brano qui


Le Recensioni di
Mondo Metal


( Recensione di Marcello pubblicata il 22/08/2012 )

"One for the Road"

Gruppo
Absinthium

Titolo
One for the Road

Tracce
1 - Circular Saw
2 - The Curse of Blood
3 - H.A.I.L.
4 - Mr. Nothing
5 - Absinthium
6 - Skull
7 - Waste
8 - Black Gown

Anno
2012

Etichetta
Punishment 18 Records

Genere
Thrash, Heavy

Provenienza
Italia

Line-Up
Alessandro Granato - Vocals
Franco Buonocore - Guitars
Dario Nuzzolo - Bass
Tommaso Ruberti - Drums

Contatti
Sito Ufficiale

Calcano le scene dell'underground italico da quasi un decennio i campani Absinthium, e finalmente giunge anche per loro il momento del debutto sulla lunga distanza. L'album in questione, uscito per la "Punishment 18 Records", si intitola "One for the Road" e contiene otto tracce heavy-thrash il cui sound risulta decisamente influenzato dal metal anni '80/'90. Ma sia ben chiaro che non abbiamo a che fare con dei cloni dei Metallica, Megadeth (gruppi la cui influenza appare più marcata) e compagnia cantante, perché i Nostri ci mettono tanta farina del proprio sacco, e se si fa attenzione (cercando di trattenersi dal naturale impulso di far partire l'head banging) sarà possibile scorgere anche contaminazioni ben differenti e interessanti.

Ciò risulta evidente già dall'inizio dell'opener "Circular Saw", che poi prosegue su un riffing potente e cadenzato e con sonorità orientaleggianti.
"The Curse of Blood" alza i ritmi e affila le armi con riffing dinamici e un corposo comparto ritmico. Buona la prestazione del singer, che presenta una vocalità duttile e carismatica.
I Nostri presentano una predilezione per le aperture arpeggiate. Ne sono esempio "H.A.I.L." (dal sapore malinconico, presenta cori incisivi), "Absinthium" (un pizzico di malignità "made in Slayer" all'inizio, ma poi gli Absinthium cambiano decisamente rotta), "Skull" e "Black Gown" (tirata la prima, più cadenzata la seconda).
Chiudono l'album "Mr. Nothing" e "Waste", mantenendo i ritmi alti e una qualità pressoché costante.

Un debutto degno di nota che mette in mostra musicisti talentuosi e interessanti capacità compositive. Da tenere d'occhio sicuramente.

Marcello


Tutto il contenuto è di proprietà di Mondo Metal